Translate

10 ottobre 2015

Dimostrazione a Berlino: circa 250.000 chiama "Stop TTIP e CETA - Per un commercio mondiale giusto"

Comunicato stampa congiunto del 10 ottobre 2015 

Berlino: Con il motto "TTIP & CETA stop! Per una fiera mondiale "oggi sono circa 250.000 persone contro l'accordo di libero scambio tra l'Unione europea e gli Stati Uniti (TTIP) e il Canada (CETA) hanno protestato. Mai prima e più persone sono andate su questo argomento su strada in Europa. Il numero dei partecipanti ha superato le aspettative degli organizzatori in modo significativo. Chiamato per la dimostrazione ha avuto una grande alleanza civica. 

"Oggi è un grande giorno per la democrazia", ​​ha detto che gli organizzatori della manifestazione vanno un messaggio chiaro. "Ci alziamo contro TTIP e CETA Insieme difendiamo la nostra democrazia e andare per strada eque trattative scambi .. TTIP sulla base del mandato corrente deve essere fermato. L'accordo CETA presente non può essere ratificato ", dice il rapporto. 

Alla manifestazione di Berlino ha chiesto speaker presso la Commissione europea, il governo federale, il Bundestag e gli altri Stati membri dell'Unione europea a prendere le richieste dei manifestanti. Gli accordi internazionali devono essere negoziati in modo trasparente e garantire la tutela della democrazia e Stato di diritto. Si potrebbe non allinearsi con interessi corporativi. Insieme esortato i manifestanti a garantire e ampliare i diritti dei lavoratori, così come gli standard sociali, ambientali e dei consumatori. Solo con un commercio mondiale equo è una equità sociale, ecologico diversità economica e culturale potrebbe essere eseguita. 

Accompagnato da 25 furgoni motivazionali e altoparlante, una marcia colorata si muoveva con slogan fantasiosi, striscioni e bandiere dalla stazione centrale, l'edificio del Reichstag, poi prendere la Colonna della Vittoria. Alla manifestazione di chiusura, tra le altre cose ha parlato Reiner Hoffmann (DGB Presidente), Gesine Schwan (Presidente della Governance Platform Humboldt-Viadrina), Hubert Weiger (Presidente dell'Associazione per l'ambiente e la conservazione della natura in Germania, BUND), Christian Hoeppner (Presidente del Consiglio culturale tedesco) e Ulrich Schneider (direttore esecutivo dell'Associazione comune Welfare). 

Una grande alleanza di oltre 170 organizzazioni di quasi tutti i settori della società aveva chiesto per la dimostrazione: ambiente, sviluppo e della politica sociale, la democrazia, i diritti civili, e dei consumatori culturali e sindacati. Per più stretta vettore cerchio tra l'altro includere il tedesco Federazione sindacale, il BUND, Attac, il Consiglio culturale tedesco, Campact, l'organizzazione sociale, Foodwatch, più democrazia, Bread for the World, Greenpeace, WWF e Amici della Natura in Germania. 

Mercoledì scorso la Commissione europea è stato inviato oltre tre milioni di firme era stato raccolto lo scorso anno in tutta Europa contro TTIP e CETA. La raccolta di firme è stata effettuata nell'ambito dell'iniziativa dei cittadini europei "Stop TTIP". Era stata organizzata in modo indipendente, dopo che la Commissione europea aveva respinto una iniziativa ufficiale europea dei cittadini. Con tre milioni di firme "Stop TTIP" ha più firmatari di qualsiasi altra iniziativa dei cittadini europei. 



Le dichiarazioni dei rappresentanti / dentro e fuori l'alleanza si possono trovare su Internet all'indirizzo: 
www.ttip-demo.de/presse/ 

L'invito per la dimostrazione si possono trovare su Internet all'indirizzo: 
www.ttip-demo.de/home/aufruf/ 

Il cerchio sostegno della manifestazione si possono trovare su Internet all'indirizzo: 
www.ttip-demo.de/home/netzwerk/ 

I contatti stampa dell'Alleanza: 
http://ttip-demo.de/fileadmin/download/Presse/pressekontakte.pdf 

www.mehr-demokratie.de 
www.facebook.com/mehrdemokratie 
www.twitter.com/Volksentscheid 

Nessun commento:

Posta un commento

PES MILANO

In Italia, in this moment Estremamente difficile ormai di oligarchia, la Segreteria PES decide di pubblicare, ALCUNE delle Più significative e spontanee voci di internet, omettendone la fonte per non dare spazio a provocazioni anti-Democratiche, da zona Qualsiasi Parte esse vengano

This al bene di garantire il Principio della libertà, Che Termina quando INIZIA Quella dell'altro, e sul Principio dell'attraenza del bene e della involontarietà del male (Socrate); ribadendo il Che, L'Uomo Nel Suo COMPORTAMENTO morale Si sente Responsabile delle Sue azioni, quando ESSA SI Realizza Mediante ONU Processo dialettico che attraversa le Istituzioni Politiche Democratiche Trasparenti, Cosa Ormai offuscata in this Italia di assolutistica Sussidiarietà also Nella Comunicazione multimediale, la colomba negata censura dell'Informazione impedisce OGNI Evoluzione Democratica partecipativa del pensiero, occupando Gli Spazi di grande ascolto, cosi marginando OGNI espressività Fuori dal coro gestito dal Potere.

Con amicizia socialista.

PES MILANO