Translate

1 aprile 2015

Riteniamo che coloro che sono coinvolti in queste indicazioni di corruzione siano colpevoli

Abbiamo da sempre condannato la non trasparenza, certamente oggi che alcuni politici il cui riferimento si affida alla politica Socialista  sono potenzialmente coinvolti non taceremo il nostri sdegno. 
La stampa internazionale riferisce che anche in questo caso " in procura si parla di un vero e proprio “sistema affaristico”, messo in piedi grazie al legame con “l’esponente politico che è stato per anni il leader dello schieramento politico di riferimento per la stessa cooperativa, ovvero l’onorevole Massimo D’Alema”.

Massimo D’Alema si definisce Socialista, aderisce al PES, ben per questo necessita un immediata sospensione in attesa di sviluppi e chiarimenti che siano trasparenti, sospensione che risulta necessaria. Incomprensibile altrimenti risulterebbe la sua appartenenza filosofica per il  PES Italia,  
Il Socialismo ha le sue origini nell'illuminismo,  è una filosofia chiara e trasparente, deve e vuole essere un partito di riferimento. Riferimento che deve essere fatto dai politici del PES.. Non abbiamo dubbi che le inevitabili dimissioni dell'On. D'Alema, anche se temporanee, in attesa di chiarimenti , saranno accettate.
D’Alema, sostenendo che  non  ha avuto nessun  beneficio personale,  deve dimostrare oltre ogni dubbio che non ha approfittato della sua posizione pubblica per avvantaggiarsi personalmente direttamente o indirettamente.
Tutte le accuse mosse non possono solo essere giustificate sotto l’aspetto contabile, amministrativo, ma anche devono e dovranno esserlo sotto l’aspetto morale e politico sapendo che tracceranno una strada che i cittadini analizzeranno.  
Inaccettabile l’affare dei Vini, anche se baluardo storico dei Politici Italiani nel  trattare il prodotto e nel avere tenute e vini indicanti il loro nome.  Come se in Marocco la  marijuana  avesse il nome di un politico locale! 
Inaccettabile!
Questo è elemento che sposta la Democrazia in influenze personali,  spostando il principio democratico fondamentale che è "la capacità di risposta continua del governo alle preferenze dei cittadini, spontanee non indotte con influenze politiche. Cittadini considerati eguali politici" con opportunità non danneggiate. (Dahl, 1971).  Una Poliarchia è con le sue procedure, di per sé  insufficienti per raggiungere la piena democrazia. e noi ci ritroviamo in una poliarchia non in una Democrazia. Ad esempio, in Democrazia i poveri possono essere in grado di partecipare politicamente. Poiché la  poliarchia diventa una forma di governo che non è inteso per una maggiore giustizia sociale e realizzazione culturale e per consentire alla gente repressa di partecipare politicamente.
Le accuse sono gravi e inevitabilmente lambiscono  anche il governo di Matteo Renzi.

La situazione Italiana è grave, anzi gravissima, poiché la corruzione, l’opportunismo, sono  endemici e strutturati tanto da fornire giustificazioni ed insinuarsi nel normale contesto sociale, nella routine di vita come cosa giusta, un parallelismo di giustificazioni e opportunità che corre da Comunione e Liberazione ai Democratici ex Comunisti oggi travestiti da Socialisti, insomma con le dovute eccezioni, per tutto l’arco Costituzionale. Una struttura endemica della corruzione che si è perfezionata evolvendosi nel tempo, tanto da produrre persone sopra ad ogni sospetto preposti a ritardare ogni applicazione tecnologica per poter continuare ed ad assopire i cittadini per concedere ai corrotti di proseguire nel proprio malaffare, l'attuale legge anti-corruzione ne è un esempio chiaro e trasparente.
La storia del Socialismo Italiano è invischiata in questa logica di corrotti e corruttori, di tangenti e favori, che formano in realtà la struttura politica del nostro paese. Il confronto internazionale, l’evoluzione culturale della umanità gli sviluppi tecnologici, ci pongono davanti al dover uscire da questo “suburbio” del Mondo evoluto, per riprendere il nostro cammino di cultura e giustizia, ritenendo questi quali elementi condannabili, conosciuti da sempre, ma partecipativi dello scibile umano.
Riteniamo che coloro che sono coinvolti in queste indicazioni di corruzione siano colpevoli di non aver indicato la strada della trasparenza, già da tempo percorribile, pertanto o per incapacità o opportunismo sono la causa di loro stessi, specie perché è impossibile da ritenere la buona fede visto il danno che hanno arrecato a tutta la struttura sociale ed economica, pertanto siamo propensi e pensare che hanno operato nell'opportunismo al fine di trarre dei benefici personali. La logica del parlar bene e razzolare male ormai comune in molto Politici. 

Nessun commento:

Posta un commento

PES MILANO

In Italia, in this moment Estremamente difficile ormai di oligarchia, la Segreteria PES decide di pubblicare, ALCUNE delle Più significative e spontanee voci di internet, omettendone la fonte per non dare spazio a provocazioni anti-Democratiche, da zona Qualsiasi Parte esse vengano

This al bene di garantire il Principio della libertà, Che Termina quando INIZIA Quella dell'altro, e sul Principio dell'attraenza del bene e della involontarietà del male (Socrate); ribadendo il Che, L'Uomo Nel Suo COMPORTAMENTO morale Si sente Responsabile delle Sue azioni, quando ESSA SI Realizza Mediante ONU Processo dialettico che attraversa le Istituzioni Politiche Democratiche Trasparenti, Cosa Ormai offuscata in this Italia di assolutistica Sussidiarietà also Nella Comunicazione multimediale, la colomba negata censura dell'Informazione impedisce OGNI Evoluzione Democratica partecipativa del pensiero, occupando Gli Spazi di grande ascolto, cosi marginando OGNI espressività Fuori dal coro gestito dal Potere.

Con amicizia socialista.

PES MILANO