Translate

12 marzo 2013

ITALIA POVERA ITALIA!


Il nostro ex Presidente  Sua Eccellenza il Cav. Silvio Berlusconi è ammalato!...
Lo strano a dirsi, è la concomitanza con le udienze che fa spontaneamente,  ingenuamente, sorgere dei dubbi.
Mai non rispettare una persona ammalata. 
Ma la malattia appare diversa dall'impegno morale che ha il povero operaio con la congiuntivite e una persona che ha rappresentato e vorrebbe rappresentare un popolo
Davanti agli occhi del mondo il fatto della congiuntivite Berlusconiana fa annuire, sorridere,  con quella ambiguità indefinibile che lascia spazio al sospetto dell’opportunità della malattia.  Insomma quanti di noi, almeno una volta nella vita davanti ad una interrogazione scolastica che ci vedeva impreparati, abbiamo almeno pensato a questa via di fuga!
Certo ma lui è un uomo che dovrebbe avere  e ha avuto grandi responsabilità, una persona che incide su di noi e che ci condiziona direttamente anche come immagine dei cittadini Italiani nel mondo.
Ora "poiché se tanto mi da tanto"  avremo anche questo andicap nei confronti di altri popoli, l’andicap  del “Malatiello” Tanto caro alla commedia Napoletana e che inciderà anche sulle visite fiscali richieste in caso di malattia del lavoratore. Prepariamoci insomma, noi Italiani,  grazie ai nostri sovrani siamo già indicati come  Mafiosi (Italiano?  Mafia!), Spaghettari,  e ora anche malaticci assenteisti!. 
Grazie,  senz'altro così forgiamo il futuri dei nostri figli!
La sceneggiata continua con la vista fiscale dei medici.  Poveretti quei medici incaricati davanti a colleghi luminari e ben pagati, sapienti e saggi prezzolati, forse anche coinvolti negli intrallazzi passati del San Raffaele, chi potrebbe contraddirli? Non sono certo una commissione indipendente Europea che forse  sarebbe stata  necessitata per sentenziare se il malato finge oppure no!  Almeno avrebbero fatto intendere che una parte è in buona fede e non fa il doppio gioco  al solo fine di quietare gli animi più incazzati da questo "Bunga Bunga" di Stato! 
Ma a prescindere ancora da, se il malato finge oppure  no, conta per l’onore per la Patria, tanto invocato quando si ha bisogno di carne umana come per i lavoratori morti sul lavoro o per i nostri caduti per la Patria. 
Anche in barella  avrebbe dovuto affrontare la sorte. 

Quale tristezza per coloro che hanno creduto e si sono sacrificati per questa povera  l’Italia! Quante medaglie d’oro offese da questa morale si rivolteranno nelle loro tombe della storia!

Ora è finito il senso d’onore con cui, forse con ghigno Prussiano,  si alzavano fieri gli sguardi, ora se vi sono problemi non avremo più bisogno di affrontarli, basterà perdere  ad esempio il Sig. B!  
Anzi diamoci per ammalati  prima che  i ricchi come Berlusconi si mangino  anche il welfare della sanità per evitare che si possa stare a casa per malattia!
Resta comunque il fatto che auguriamo una veloce guarigione  al Cav. Berlusconi, pregandolo umilmente di voler pensare anche qualche volta a noi Italiani e non solo a se stesso. Grazie.

PES MILANO

In Italia, in this moment Estremamente difficile ormai di oligarchia, la Segreteria PES decide di pubblicare, ALCUNE delle Più significative e spontanee voci di internet, omettendone la fonte per non dare spazio a provocazioni anti-Democratiche, da zona Qualsiasi Parte esse vengano

This al bene di garantire il Principio della libertà, Che Termina quando INIZIA Quella dell'altro, e sul Principio dell'attraenza del bene e della involontarietà del male (Socrate); ribadendo il Che, L'Uomo Nel Suo COMPORTAMENTO morale Si sente Responsabile delle Sue azioni, quando ESSA SI Realizza Mediante ONU Processo dialettico che attraversa le Istituzioni Politiche Democratiche Trasparenti, Cosa Ormai offuscata in this Italia di assolutistica Sussidiarietà also Nella Comunicazione multimediale, la colomba negata censura dell'Informazione impedisce OGNI Evoluzione Democratica partecipativa del pensiero, occupando Gli Spazi di grande ascolto, cosi marginando OGNI espressività Fuori dal coro gestito dal Potere.

Con amicizia socialista.

PES MILANO