Translate

21 marzo 2013

Cipro, forse c'è molto di più di quel che si vede.



IL fatto è che pur se hai lottato per l’Europa anche se si è Europeisti super convinti ma si "apparitene" alla classe media o povera, questa Europa che doveva portare benessere, giustizia, equità, ha portato solo miseria e sacrifici, perdita del potere di acquisto e della qualità della vita ma ha fornito arricchimento a quella Classe già benestante e ricca. 
Ora, anche le piccole sicurezze di stabilità stanno vacillando con il rischio di ritrovarci ancor più poveri e sfruttati. 
Nessun miglioramento si è sentito anzi, una caduta generalizzata della qualità di queste nostre vite già povere, nel subire la convinzione che se si toglie al povero per dare al ricco questi poi creerà benessere per il povero! Intanto, è il ricco che sta bene e se la spassa, prende soldi facili dalle banche, e i poveri ricevono mutui solo per arricchire i costruttori che non sanno costruire, poi si vedrà questa è la realtà  storica.
La questione Cipro lascia tutti sgomenti e ancora gli aiuti vanno alle  banche le quali si trovano in difficoltà poiché hanno dato soldi ai loro clienti ricchi i quali ora non li vogliono  o possono ritornare e allora il popolo bue paga!  Sopratutto bisogna considerare che tutti sapevano e hanno annuito anche la Banca Centrale Europea. 
Inutile dire se non si vuole trasparenza, se ci si oppone alla trasparenza poi non si può ancora rivolgersi alla povera gente per saldare le proprie schifezze, sostenute,  viste, condivise, in un gioco delle parti assolutamente strumentalizzante.
L'annuncio che la Banca centrale europea potrebbe ritirare i finanziamenti di emergenza alle banche traballanti di Cipro, appare anche giusto ma la Banca Centrale Europea sapeva e ha condiviso!.
“Se a Cipro banche falliscono, i problemi potrebbero rapidamente diffondersi alle altre 16 nazioni che condividono l'euro.", ha detto il ministro delle Finanze olandese Jeroen Dijsselbloem. 
Il presidente del gruppo consultivo "neocon" MikhailChazin  vede la la situazione a Cipro l'inizio della caduta del sistema bancario mondiale: "Come micro-economista, sto valutando molto seriamente le regole del gioco finanziario. La violazione di esse con la decisione dell'Unione Europea, e in pratica della Germania, era fattibile solo in accordo con il Fondo Monetario Internazionale, che ha dato il suo benestare riconoscendo che, evidentemente, mantenere l'attuale sistema bancario mondiale era impossibile. In parole povere, le banche non sono dispiaciute e non ha importanza se i deputati ciprioti accetteranno o meno la richiesta dall'UE, il default c'è già. La chiusura delle banche, che già non lavorano da da sei giorni, è anch'esso default.  Prima o poi questo si diffonderà in Portogallo, Spagna e Italia. Se i depositi in banca non sono più un attivo sicuro."
I depositi nelle banche di Cipro erano sette volte la dimensione della sua economia, alla fine del 2012, una situazione insolita favorita dalla bassa imposizione fiscale e la reputazione per la regolamentazione lassista.  Il sospetto che sia  un hub per il riciclaggio di denaro russo.  Banche cipriote hanno $ 88 miliardi di depositi, di cui 49 miliardi dollari è in forma di depositi superiori a 129000 dollari, secondo le stime degli analisti.
Il primo ministro russo Dmitry Medvedev ha detto ai giornalisti che le proposte iniziali di salvataggio per raccogliere fondi con un uno-tempo di imposta su tutti i depositi "sono di una espropriazione.  Interfax. "Non posso paragonare a nulla, ma alcune decisioni prese in un certo periodo di tempo da parte delle autorità sovietiche, che non si cura molto di risparmi della gente", ha detto Medvedev.
Allora è impossibile prevedere in generale un futuro sistema bancario. Una vera e propria catastrofe!
Vediamo un aspro conflitto tra a Merkel e Putin a causa del potere d'influenza. La Merkel dice «Cipro è nostra» e Putin risponde: No, non è solo vostra». 
L'Unione Europea, di fatto, pretende di primeggiare nella definizione del gioco finanziario e se pretenderà, supponiamo, che si salti dalla finestra, mentre da sola non riesce a garantire stabilità nell'eurozona? I paesi al suo interno cominciano a perdere la pazienza e cominciano autonomamente a cercare risorse. Se persino Stati minuscoli come Cipro non ascoltano Bruxelles, è colpa di quest'ultima.
Ora,  ci troviamo davanti al problema Cipro e purtroppo ancora una volta i media cercano di manipolare la comunicazione non analizzando globalmente la questione ma estrapolando un fatto o l'altro al fine di guidare l'opinione pubblica verso i loro interessi.
Intanto il sogno dell’Europa si allontana  sempre più, e  speriamo che non si trasformi in un inganno servito solo per rubare i pochi risparmi ai poveri!

PES MILANO

In Italia, in this moment Estremamente difficile ormai di oligarchia, la Segreteria PES decide di pubblicare, ALCUNE delle Più significative e spontanee voci di internet, omettendone la fonte per non dare spazio a provocazioni anti-Democratiche, da zona Qualsiasi Parte esse vengano

This al bene di garantire il Principio della libertà, Che Termina quando INIZIA Quella dell'altro, e sul Principio dell'attraenza del bene e della involontarietà del male (Socrate); ribadendo il Che, L'Uomo Nel Suo COMPORTAMENTO morale Si sente Responsabile delle Sue azioni, quando ESSA SI Realizza Mediante ONU Processo dialettico che attraversa le Istituzioni Politiche Democratiche Trasparenti, Cosa Ormai offuscata in this Italia di assolutistica Sussidiarietà also Nella Comunicazione multimediale, la colomba negata censura dell'Informazione impedisce OGNI Evoluzione Democratica partecipativa del pensiero, occupando Gli Spazi di grande ascolto, cosi marginando OGNI espressività Fuori dal coro gestito dal Potere.

Con amicizia socialista.

PES MILANO