Translate

15 novembre 2012

BEL PAESE... di merda!


"Chi fa una manifestazione la faccia in maniera libera e secondo le disposizioni che vengono date. La libertà di manifestare – ha proseguito Cancellieri - deve rispettare la libertà di tutti di vivere una vita serena".
Cara ministro, Lei vive in Suo mondo dorato e sereno dove non ha mai certo ricevuto una lettera di licenziamento  e certamente non ha mai vissuto  nelle case popolari di amianto,  possiamo fermarci qui senza andare oltre a misurare le difficoltà che da sempre investono i più sfortunati e soprattutto meno raccomandati, mentre grassi e avidi politici imperano nel nome della sussidiarietà non trasparente!
Inutile fare polemiche basta ascoltare questa mattina  alcune radio “private” legate al potere per renderci conto della invasività di coloro che stanno bene e se fregano di coloro che hanno da sempre subito.
Lei certamente si dimentica, non solo la capacita di guerriglia e di la formazione delle Sue forze di polizia, ma dimentica anche l’invasività che hanno nella vita  privata dei cittadini sino a rubargli il posto di lavoro con loro raccomandati  al fine di avere elementi strategici nei posti di interesse. Un vero e proprio appropriarsi della Democrazia e imporre negandolo uno stato di Polizia!
Vergogna! Vergogna! Vergogna!

Per principio siamo contro la violenza, specie quella che proviene da forze organizzate, istruite in apposite scuole e formate per la soppressione di coloro che non pensano nello stesso modo del potere. 
Quasi tutte le organizzazioni internazionali che difendono i diritti universali degli uomini hanno condannato più volte l’Italia, ma il potere prosegue nella sua violenza non solo nelle piazze ma attraverso i media e i ricatti.

Pensi a fare più trasparenza, pensi a leggi contro la corruzione, al falso in bilancio, e quante altre mancano a favore della gente, contro quante invece imperano a favore di caste e ricchi avidi sfruttatori!
Noi pensiamo che nel futuro tutte le vostre malefatte, le vostre violenze, si vedranno e allora la condanna sarà unanime sia per Voi che per quelli che fingono di non vedere o furbescamente cercano di manipolare l'opinione.

Intanto noi aspettiamo di vivere una vita serena possibilmente senza l’aiuto della sua Polizia!




per la mobilitazione dei comitati antifascisti
W L'ITALIA EUROPEA E LIBERA

PES MILANO

In Italia, in this moment Estremamente difficile ormai di oligarchia, la Segreteria PES decide di pubblicare, ALCUNE delle Più significative e spontanee voci di internet, omettendone la fonte per non dare spazio a provocazioni anti-Democratiche, da zona Qualsiasi Parte esse vengano

This al bene di garantire il Principio della libertà, Che Termina quando INIZIA Quella dell'altro, e sul Principio dell'attraenza del bene e della involontarietà del male (Socrate); ribadendo il Che, L'Uomo Nel Suo COMPORTAMENTO morale Si sente Responsabile delle Sue azioni, quando ESSA SI Realizza Mediante ONU Processo dialettico che attraversa le Istituzioni Politiche Democratiche Trasparenti, Cosa Ormai offuscata in this Italia di assolutistica Sussidiarietà also Nella Comunicazione multimediale, la colomba negata censura dell'Informazione impedisce OGNI Evoluzione Democratica partecipativa del pensiero, occupando Gli Spazi di grande ascolto, cosi marginando OGNI espressività Fuori dal coro gestito dal Potere.

Con amicizia socialista.

PES MILANO