Translate

29 ottobre 2012

Pensate gente, pensate!

Qui in Italia tutti distratti dalle vicende della casta siamo arrivati alla ennesima puntata della fiction TV, nella quale i vari politici ormai in un déjà vu, una possibile ipotesi generale di basso livello interpretativo inferenziale,  sembra essere quella di una falsa sensazione di familiarità e quindi di un "già visto. Questo senso di familiarità, ad alto valore emotivo, si può estendere in maniera pervasiva a tutti i cittadini, mentre nella realtà il fallimento  viene rappresentato in Sicilia con la disaffezione della gente alla partecipazione sociale attraverso il voto democratico. Potere supportato da una  obsoleta TV che arranca spendendo  cifre esorbitanti  per la sua costosissima gestione e invia messaggi già vecchi  nel momento stesso che li trasmette.
Le cose però nel mondo sono diverse, l’uragano su N.Y. ha sempre più l’aspetto di un uragano delle comunicazione globale, un chiaro risvolto indirizzato al business intelligente con un approccio alla comunicazione/informazione  che ha già cambiato e cambierà ulteriormente nei prossimi anni il modo di agire e fare. Già in queste elezioni presidenziali  USA  si può intuire ( come ormai da  già tempo come  abbiamo pubblicato  anche in un articolo di fondo sul "il Caffè  dal 1764 -  col titolo: DA LEGGERE COSIGLIATO DAL "PSE -PES ITALIA".  ) questo  prosegue in una gara tra hardware e software  che cambia le carte nel gioco del potere.
 La  comunicazione in tempo reale propone un salto di qualità.  Un esempio  è anche il congresso del PS di Tolosa che cavalca l’onda della partecipazione e sta’ già percorrendo le strade del futuro, mentre all'interno di alcuni Partiti Socialisti Europei, immagini di personaggi obsoleti cercano di  proporre ancora il loro punto di vista. Un esempio è l’invio di e mail riportanti analisi e opinioni personali che anche su pur giuste e condivise,  tentano di posizionare l’opinione poiché non supportati da programmi e trasparenza.  Accrediti di giornali che non hanno più audience, e altre vecchie tecniche come "l'uso della spalla" (attore) è un termine teatrale riferito ad un attore coprotagonista per proporsi o riproporsi quali rappresentanti di altri. 
Nulla di questo,  nel futuro ognuno guarderà  con i propri occhi, ascolterà le proposte  dirette e parteciperà non per riflesso ma direttamente.  Il futuro lo si può chiaramente vedere nel  lasciare all'opinione personale dei cittadini la libertà d’interpretazione degli eventi , senza il bisogno che qualcuno  la  guidi   e  la traduca. La fine della politica di sponda, priva di idee e progetti solo propensa a tentare di contenere i propri sudditi al fine di chiedere potere per se stessi, la fine della sussidiarietà non trasparente dei bilanci incompressibili della applicazione di sistemi confusi per confondere la gente.
Il cambiamento è trasparente e attuale, gli unici che non vogliono affrontare le realtà sono i politici che non vogliono connettere le persone e gli eventi dal vivo.  Un esempio del futuro lo si può vedere per la copertura di eventi live.   Con una tecnologia semplice da usare che permette a chiunque di trasmettere in diretta sul web, oltre ad essere la meta ideale per i contenuti in tempo reale da tutto il mondo.  Strumenti hardware e software per condividere gli eventi con una comunità online in crescita.  Già oggi con più di 30 milioni di partecipanti, ogni mese migliaia di orologi di eventi dal vivo, tra cui The New York Times, Facebook, ESPN, SpaceX e Warner Bros. Records, Web Cam, ecc.
In queste ore il Senato italiano sta discutendo un disegno di legge in materia di diffamazione (DDL n. 3491 ) che, se approvato, potrebbe imporre a ogni sito web (ivi compresa Wikipedia) la rettifica o la cancellazione dei propri contenuti dietro semplice richiesta di chi li ritenesse lesivi della propria immagine o anche della propria privacy, e prevede la condanna penale e sanzioni pecuniarie fino a 100.000 euro in caso di mancata rimozione. Simili iniziative non sono nuove, ma stavolta l’esaltazione della casta appare fuori luogo e indirizzata solo al mantenimento di privilegi del loro potere. Il cercare di fermare lo sviluppo, la tecnologia l’evoluzione, per poter resistere senza far nulla  sfruttare e governare con voti di scambio. La nostra più severa opposizione a questo tentativo di repressione. Che il Senato pensi ad esser di esempio per correttezza,  costume e capacita di interpretare il futuro per il nostro paese e non bloccare la spontanee contestazione limitando sia la parola che le idee, aiuti far crescere la cultura generale del paese formando nella gente una concreta facoltà della mente di giudicare, valutare, distinguere rettamente e non solo sottoporli alla manipolazione del sistema mediatico e formulare delle leggi al solo scopo di reprimere.
Certo quando esisteva solo la TV le cose si udivano in una sola direzione. Già la famosa dittatura della comunicazione; ma il tempo passa per tutti. 

Un consiglio guardatevi ‘uragano in diretta su  LIVE STREAM  non aspettate che qualcuno ve lo racconti!.





PES MILANO

In Italia, in this moment Estremamente difficile ormai di oligarchia, la Segreteria PES decide di pubblicare, ALCUNE delle Più significative e spontanee voci di internet, omettendone la fonte per non dare spazio a provocazioni anti-Democratiche, da zona Qualsiasi Parte esse vengano

This al bene di garantire il Principio della libertà, Che Termina quando INIZIA Quella dell'altro, e sul Principio dell'attraenza del bene e della involontarietà del male (Socrate); ribadendo il Che, L'Uomo Nel Suo COMPORTAMENTO morale Si sente Responsabile delle Sue azioni, quando ESSA SI Realizza Mediante ONU Processo dialettico che attraversa le Istituzioni Politiche Democratiche Trasparenti, Cosa Ormai offuscata in this Italia di assolutistica Sussidiarietà also Nella Comunicazione multimediale, la colomba negata censura dell'Informazione impedisce OGNI Evoluzione Democratica partecipativa del pensiero, occupando Gli Spazi di grande ascolto, cosi marginando OGNI espressività Fuori dal coro gestito dal Potere.

Con amicizia socialista.

PES MILANO